nome dell’animale
Sito vecchio
Animali dal mondo si aggiorna il sito vecchio momentaneamente lo trovate: Qui

Articoli marcati con tag ‘malattia’

PostHeaderIcon malattia cane malattie cani vaccinazione vaccini

Programmi di sostegno per la regolare vaccinazione dei cani hanno contribuito sia alla salute di cani che alla salute pubblica. Nei paesi in cui la vaccinazione di routine di cani viene praticata, la rabbia che colpisce l’uomo è ridotta a un evento assai raro. Attualmente, ci sono fondamentali vaccini geograficamente definiti scelti individualmente e non essenziali vaccini raccomandati per i cani. La maggior parte dei protocolli raccomanda la vaccinazione, con una serie di vaccini specialmente per i cuccioli, con il vaccino booster (Tetano) che viene dato a un anno di età. La frequenza della vaccinazione, successiva, varia con il tipo di malattia e di vaccini. La maggior parte dei vaccini vengono fatti sottocutanei (sotto la pelle) o intramuscolari (nel muscolo) iniezione. La vaccinazione della malattia del tratto respiratorio può essere fatta intra-nasale (nel naso), in alcuni casi. I vaccini immunogeni possono uccidere o rendere inattivati gli agenti patogeni, le proteine patogene o polipeptidi, o, più raramente, modificare i virus vivi. La maggior parte dei vaccini contengono coadiuvanti destinati a potenziare la risposta immunitaria ai vaccini. Molte sono le reazioni avverse associate con le reazioni a questi coadiuvanti.

vaccini raccomandati per i cani

Governi e leggi locali variano le raccomandazioni, ma nei paesi in cui la rabbia si verifica naturalmente, una vaccinazione dei cani è richiesta dalla legge. Altri vaccini fondamentali nella maggior parte delle regioni comprendono il cimurro canino, parvovirosi canina, virus o adenovirus-2 per l’epatite canina, .

non essenziali vaccini per i cani

I non essenziali vaccini per i cani, che possono essere importanti per gestire l’esposizione, quando è prevista, anche per la Bordatella (tosse canina), parainfluenza canina da virus (un altro agente della tosse canina), e malattia di Lyme (borreliosi). Generalmente non vengono raccomandati a causa di una non signifiticamente dimostrata efficacia contro il canine coronavirus, dell’adenovirus canino-1 (che causa anche una significativa reazione), del vaccino giardia e del vaccino envenomation.

Controversie nel cane la vaccinazione

Ci sono in evoluzione teorie circa sulla necessità e la frequenza delle vaccinazioni per i cani domestici. Molti proprietari di cani e ora anche molti veterinari accademici hanno espresso preoccupazione per il fatto che i cani vengono vaccinati troppo spesso. Specifici effetti collaterali negativi e conseguenze generali a lungo termine sulla salute, vengono citate come ragioni per ridurre la frequenza delle vaccinazioni nei cani adulti. I produttori di vaccini per cani hanno risposto con lo sviluppo di vaccini con almeno tre anni in più di comprovata efficacia. Molti stati e comunità hanno modificato le ordinanze per consentire intervalli più lunghi per le vaccinazioni di provata efficacia contro la rabbia.

Le reazioni avverse ai vaccini nei cani

Le reazioni avverse di solito si verificano a causa di una nociva a reazione al vaccino immunogeno stesso o al vaccino adiuvante. Raramente, con i vaccini per i virus vivi modificati gli agenti causano direttamente la malattia.

ischemica dermatopatia – vasculite cutanea nei cani

L’ischemica dermatopatia – vasculite cutanea nei cani, è una poco conosciuta e spesso diagnosticata reazione al vaccino contro la rabbia nei cani. I sintomi comprendono ulcere, croste, inscurimento della pelle, grumi vicino al sito del vaccino, cicatrici e perdita di peli. Oltre che nel sito della vaccinazione, le lesioni più spesso si sviluppano sui lembi dell’orecchio (pinnae), sui gomiti e sulle zampe, nel centro delle pastiglie dei piedi e sul muso. Le cicatrici possono essere permanenti. I cani di solito non stanno male, ma si può sviluppare la febbre. I sintomi possono presentarsi entro settimane dalla vaccinazione, e possono richiedere dei mesi per svilupparsi notevolmente. I cani con lesioni attive in via di sviluppo e, o, con diffusione della malattia possono essere trattati con pentoxyfylline, un farmaco che è utile in piccole vasculiti, o con il tacrolimus, un unguento che aiuta a sopprimere l’infiammazione nelle zone colpite. I proprietari di cani e i veterinari che hanno riscontrato questo tipo di reazione dovrebbero rivedere il protocollo di vaccinazione e cercare di ridurre le future vaccinazioni nella misura medica e giuridicamente possibile. Come minimo, i vaccini dallo stesso produttore devono essere evitati. Si raccomanda anche che la posizione in cui vengano somministrate le future vaccinazioni siano modificate, per quanto riguarda la gamba dovrebbe essere fatto il più possibile verso il basso e deve essere somministrato nel muscolo piuttosto che sotto la pelle.

orticaria anafilassi nei cani

Fortunatamente, una sistemica grave reazione allergica al vaccino è molto rara nei cani. Quando si verifica, tuttavia, l’anafilassi è una minaccia per la vita del cane. Più spesso, i cani sviluppano l’orticaria, anche nel giro di pochi minuti dalla ricezione di un vaccino. Quando questo si verifica, un veterinario tratterà la reazione con farmaci antistaminici e corticosteroidi, cura di solito efficace. I protocolli delle future vaccinazioni devono essere modificati secondo la componente del vaccino sospettata di aver hanno innescato la reazione.

vaccino associato al sarcoma del cane

Il vaccino associato sarcoma è un tipo di tumore maligno riscontrato nei gatti (e raramente, in cani e furetti), che è stato collegato ad alcuni vaccini. Il VAS è diventato una fonte di preoccupazione per i veterinari e per i proprietari di gatti, ma anche di cani, e ha portato a cambiamenti nei protocolli di vaccinazione raccomandata. Questi tumori sono stati più comunemente associati con il vaccino per la rabbia e per il vaccino contro il virus della leucemia felina, ma altri vaccini iniettati e farmaci sono stati inoltre coinvolti nei sospetti.

PostHeaderIcon malattia cane malattie cani anomalie congenite vertebrali

Le anomalie congenite vertebrali sono una raccolta di malformazioni della colonna vertebrale negli animali compreso il cane. La maggior parte di queste anomalie non sono clinicamente significative, ma possono causare una compressione del midollo spinale e deformare il canale vertebrale o causare instabilità. Le congenite anomalie vertebrali nei cani comprendono le alterazioni della forma e del numero delle vertebre.

emivertebre

Tra le anomalie congenite vertebrali, le emivertebre sono le più suscettibili nel provocare problemi neurologici. Le emivertebre hanno la forma di un cuneo e, quindi, possono causare un angolo della colonna vertebrale (ad esempio, cifosi, scoliosi e lordosi). Il più comune problema avviene a metà della vertebra toracica, in particolare nell’ottava (T8). I segni neurologici di una grave conseguenza dell’angolazione della colonna vertebrale, sono il restringimento del canale spinale, l’instabilità della colonna vertebrale, e la lussazione o frattura delle vertebre. I sintomi includono una posteriore debolezza o una paralisi degli arti, incontinenza urinaria o fecale, il dolore alla colonna vertebrale. La maggior parte dei casi di un emivertebre lieve non provoca sintomi, e il trattamento è di solito in modo conservativo. I casi gravi possono rispondere alla decompressione chirurgica del midollo spinale e alla stabilizzazione vertebrale. La probabile causa di un emivertebre è la mancanza di sangue causando una parte della vertebra non formata. Le emivertebre nei cani sono più comuni in quelli di piccole dimensioni, con una torsione della forma della vertebra, che può verificarsi anche nella vertebra toracica. Razze canine molto interessate da questo problema sono i Bulldogs, i Pugs, e i Boston Terrier. La condizione è ereditaria nello Yorkshire Terrier e nei segugi tedeschi a pelo corto. La condizione può provocare la morte del giovane Bulldog.

blocco vertebre del cane

Il blocco delle vertebre si verifica quando c’è un impropria segmentazione delle vertebre, che porta a parti o a tutte le vertebre fuse. Può portare a un angolo nella schiena, ma di solito non presenta sintomi. Il sacro è un normale blocco vertebre.

vertebre a farfalla nel cane

Le vertebre a farfalla nel cane hanno una schisi attraverso il corpo della vertebra e una forma a imbuto alle estremità. Questo gli dà l’apparenza di una farfalla su un lastra dei raggi x. E’ causata dalla persistenza della barra longitudinale flessibile di cellule che formano l’asse del corpo (che di solito rimane come il centro del disco intervertebrale) durante la formazione delle vertebre. Di solito non presenta sintomi. Le vertebre a farfalla nel cane si verificano più spesso nei Bulldog, Pug, e Boston Terrier.

vertebre transitorie nel cane

La transizione delle vertebre è la caratteristica di due tipi di vertebre. La condizione di solito comporta l’arco vertebrale o trasversale. Essa si verifica negli svincoli cervico toracico, toracico lombare, o lombosacrale. Ad esempio, il processo trasversale delle ultime vertebre cervicali può assomigliare a una costola. Una transizione delle vertebre al bivio lombosacrale può causare l’artrite, la modifica del disco, o la compressione del midollo spinale. Uno studio ha trovato che i maschi di Pastore tedesco con una vertebra lombosacrale transitoria sono a maggior rischio per la sindrome chiamata di coda equina, che può causare debolezza degli arti posteriori e incontinenza.

spina bifida nel cane

La spina bifida è caratterizzata da una linea mediana a arco di schisi vertebrale. E di solito non provoca sintomi nei cani. Colpisce più comunemente i Bulldogs e i gatti Manx.

PostHeaderIcon malattia cane malattie cani osteotomia tibiale, rottura del legamento crociato anteriore

Il livellamento tibiale in osteotomia, è un intervento chirurgico effettuato sui cani per stabilizzare e trattenere unito il legamento, dopo la rottura del legamento crociato anteriore (analogo a quelle del legamento crociato anteriore [ACL] negli esseri umani e, talvolta, colloquialmente chiamato lo stesso). Prevede un’osteotomia della tibia per permettere una rotazione saggitale del plateau tibiale in modo da annullare le forze tendenti a generare uno spostamento craniale della tibia. L’angolo finale desiderato per il plateau è di 6 gradi con l’asse della tibia. L’osteotomia viene eseguita con una sega oscillante-ruotante apposita e poi stabilizzata mediante placca mediale. Quando si strappa il legamento, il crociato diventa instabile e il cane soffre della mancanza di mobilità (zoppia) acuta ed è soggetto ad artrite cronica progressiva, se non trattata. Con la chirurgia generale, i risultati i tempi di recupero sono più veloci rispetto ad altre procedure per stabilizzare il ginocchio. La maggior parte dei cani (oltre il 90%) riescono a recuperare un stile di vita attivo e sportivo, senza complicazioni post-operatorie e senza la necessità di alleviare il dolore con i farmaci.